Tag

, , , , , , , , , , ,


FONDAZIONE SANTISSIMA ANNUNZIATA

Parlano le ospiti della casa di riposo

Son  nata a Gattaia sopra a Vicchio del ’31. Mio babbo faceva il mugnaio, ha macinato il grano e il granturco a tanti contadini, ma anche a tanti partigiani che venivano dalla Colla dell’Alpe poverino, lui era del’90 una volta gli hanno fatto la spia si vide arrivare  un mucchio di carabinieri e parecchi fascisti, dissero: “Eccolo il mugnaione che macina ai ribelli!”, allora lui rispose: “Certo che macino ai ribelli, è il mio lavoro, se venite voi macino anche a voi”.Quelli: “Vorrà dire che guasteremo il mulino” e lui: “Fate pure, non èmica roba mia”. Tutti pensavano l’avessero ammazzato, invece quelli ruppero  la macina ma lo lasciarono vivo, perché era venuto sincero. A Dicomano aveva un parente che gli aggiustava le cose, gli rimise tutto a posto e il primo grano lui lo rimacinò ai partigiani un’altra volta, vedi che coraggio aveva mio babbo, era un uomo alto fino a quel quadro là. Ribelli allora li chiamavano, ma lui: “No, partigiani!” Perché i  ribelli fanno del male alla gente, mentre i partigiani son della razza mia. Certo che sono rossa, lo dico e non me ne pento, morirò rossa! Un giorno ero andata giù colla bandiera,s’era un branco ma mica per uno sciopero, si faceva una girata lo diceva il partito. Arrivò un carabiniere, un fascista non lo so e mi fece: “Sciolga subito il corteo!” e io gli detti una spinta: “Ma si levi di torno e non ci riprovi mica più!”. Là a Vicchio  i fascisti mi guardavano tutti male perché lo sapevano, tutta la famiglia noi s’era così anche la mamma e le sorelle. Le mie idee sono quelle anche oggi, non m’importa se il partito non c’è più, l’idea non muore quella ce l’ho dentro. Perché ho provato e visto chi erano i buoni e chi erano i cattivi. Mi ricordo le votazioni, viene uno e mi fa:” Ti do 50milalire se mi voti quello, allora gli rispondevo bene, intanto i  soldi li pigliai ma poi votavo il che mi pare. Dicono i comunisti son tutti atei ma non è mica vero, io per  esempio vo alla messa e quando c’è la processione il prete vuole che gli sto vicino perché ho la voce buona. Di lavoro m’ero comprata la macchina per fare i guanti, li facevo per una ditta e la mia mamma li rifiniva, poi si portavano a Borgo, anche 5 lire al paio allora davo qualcosa al babbo dicendo:”Ma prenditi un caffè, un sigaro” e lui li rifiutava sempre:”Fatti un bel corredo!” E l’ho ancora il corredo, mi cascasse gli occhi. Loro dicono che il partito è sciolto ma a me non m’hanno sciolto mica! Il compito di un comunista oggi è tirare avanti bene,se uno non tira avanti bene te lo levi di torno.

Annunci