Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,


FONDAZIONE SANTISSIMA ANNUNZIATA

Parlano le ospiti di una casa di riposo.

AA.VV. – La notte del terremoto ho sentito un colpo forte, credevo che erano i muratori invece no, era il terremoto; c’è chi lo sente e chi non lo sente, io era la prima volta ma poi mi sono girata dall’altra parte e la mattina già non mi ricordavo più nulla, allora vedo quella e mi fa: “Tu hai ballato stanotte?”. Una che conosco le ha telefonato la figliola da Ancona, s’è sentito fino a lì! Mi ricordo quello di una volta ero a Rifredo (Firenze) in villeggiatura, viense questo botto che la mamma ci mise tutti s’un barroccio disse il mio figliolo che tutto il Mugello è a rischio bisogna starci attenti; pensa che lassù a Ferrara stavolta un signore m’ha detto veniva su tutta la sabbia dal fiume dove passava prima, perché sai che l’hanno spostato. Però non si capisce perché se ne parla sempre dopo, lo potevano dire prima almeno uno lo sapeva ci si spaventava pure meno, invece non han detto nulla, studiano la tontologia, altro che! Mamma mia ci sono 5000 sfollati dimmi te, mi pare sette morti e non so quanti feriti, le mamme a cercare le coperte per i bimbi… Io che ero nel letto sentivo scossare e le infermiere che dicevano: “IL terremoto! Il terremoto!” però non m’ha impressionato perché cosa vuoi mai, ho 92 anni… Una volta batteva da noi che nel monte c’era il gas metano, non so cosa, allora andammo a dormire nel pagliaio, sono cose che fanno paura a tutti perché non puoi farci nulla, anche quello che vuole farsi grosso e dice di non aver paura alla fine un po’ ce l’ha anche lui. Ho sentito di una donna che è morta a 102 anni sotto le macerie, sennò chissà quanto altro campava ancora, come Noè! Noi s’aveva il mulino e quando venivano le scosse lo sentivamo bene perché s’era circondati dall’acqua. Ultimamente in Italia mi pare c’è tre cose: terremoti, miseria e attentati, ora vedi quelle ragazze che hanno fatot la manifestazione a Capaci? Io dico è giusto che lo Stato risarcisce i danni, però che non si piglino tutto i politici, non vedi come fanno? Mi ricordo quando in Grecia il governo rimandò indietro tutti gli italiani a casa, è stato molti anni fa, allora lo Stato gli dette le case popolari lì al mio paese, vedessi fuori che macchinoni ci trovavi parcheggiati! Ora c’è gente che dorme nelle macchine, fanno come quei camionisti che li vedo sempre fuori dalla fabbrica dove lavoravo, si fermano là con una specie di brandina dormono due o tre ore poi ripartono. Pensavo che un bambino di due anni forse ha meno paura di noi, mia figlia già a sei anni capiva bene s’impaurì da morire, la sentivo gridare: “Mamma, ho un cane sul letto!”, quanto tempo è passato? Chi lo sa, ora non ci sto mica più tanto colla testa non te lo so dire. Ho sentito ci sono due specie, sussultorio e ondulatorio: cattivo l’uno e cattivo l’altro! Poi c’è il terremoto di mare, me lo raccontava una famiglia che veniva in villeggiatura da noi, sembra dall’acqua viene su una cosa a tromba come lo zampillo dalla vasca, non te lo so descrivere te lo dico come me l’hanno raccontato. Insomma, terremoti ne sono sempre venuti da noi, ci siamo abituati, solo che oggi c’è tante cose da ricostruire, una volta il pagliaio te lo ritiravi su da solo, allora passato il danno poi non ci pensavi più e cantavi:

“Cosa vorresti dir, cosa vorresti far

se l’acqua nelle scarpe fa cic ciac?”

Annunci