Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,


FONDAZIONE SANTISSIMA ANNUNZIATA

Parlano le ospiti di una casa di riposo.

AA. VV. – Oggi vogliamo parlare di Ilona Staller, tu la conosci Cicciolina? E’ una mangiona, certe pastasciutte! M’è venuta in mente perché vidi le paghe degli onorevoli e la sua era 10 milioni, dopo lei ha smentito dice che sono solo sei, mica pochi però. L’ho vista una volta in discoteca a Postiglione che ero a strappare i biglietti, aveva portato piccioni, serpenti, pieno così: seicento persone, un locale molto grande ma lì c’erano state anche Marcella, la Berté… Loro cantavano solo però, lei invece faceva lo spogliarello, e che spogliarello! Quando ha cominciato era minorenne poi da grande ha fatto carriera e si vedeva sempre a giro con Pannella, dopo che è diventata onorevole non si spogliava più. Andò in America un periodo con uno che stava bene e venne al posto suo una che si chiamava Moana Pozzi, poi a questa venne un male poco buono, morì e fece buttare le sue ceneri in mare come non ci fosse mai stata, allora non s’è sentito più nulla finché Cicciolina è ritornata di nascosto in Italia perché scappava dal marito, con un figlio che erano in causa e alla fine dettero ragione a lei. Così ora è venuta fuori questa faccenda dello stipendio, allora dico: non è giusto che si piglia 10 milioni al mese, se mi spoglio io non mi mandano mica a fare l’onorevole! Noi s’è lavorato come ciuche per avere niente, almeno io una buona pensione la tiro ma s’è lottato tanto per averla e non per tutte è così. Una che fa lo spogliarello non dovrebbe andare in politica, ma che partito è codesto? Il partito dell’amore, allora adesso facciamo il partito dell’aspirina ci si va pure noi. Per fare l’onorevole bisogna essere davvero seri e impegnati, mica certe bischerate, non si va in Parlamento a suonare la chitarra: ci vuole volontà, se uno è ignorante non dovrebbe. Mi ricordo quando ero ragazza spogliarelli non è che non li facevano però di nascosto al varietà per soli uomini, tutto in teatro da fuori non si sapeva nulla e non era così scandaloso come adesso; ora invece te li sbattono  dappertutto… sarà che all’epoca c’erano le case chiuse coi dottori che guardavano le donne e meno malattie in giro, una coppia di Signa successe che andò a Firenze a fare la spesa, poi quand’erano per ripartire il marito disse alla moglie: “Aspetta qui, ora torno” e lei aspetta, aspetta ma lui non tornava, finché passò un’amica di là e disse: “O che ci fai tu qui?”. La moglie rispose: “Aspetto mio marito, è entrato nel palazzo ma non torna”. Quella si mise a ridere: “Ma che non lo vedi? E’ una casa chiusa!”. Finché c’erano questi posti almeno gli uomini avevano il loro sfogo, poi quando han fatto la legge che li vietava son venuti questi album di foto sconce e gli spettacoli di queste donne che fanno certe cose. Per me era meglio se stavano aperti i bordelli, era più discreto.

ACQUISTA IL LIBRO

scritto dalle autrici di questo articolo

Annunci